giochi di narrazione sul web

 

Cannibalismo rituale

[...] Sebbene le pratiche di cannibalismo rituale fossero e siano molto diffuse nelle civiltà primitive, in un certo momento nell’evoluzione della società assistiamo alla loro quasi completa sparizione. Con l’affermarsi delle nuove religioni, il cannibalismo perde la sua aura di sacralità e viene degradato a pratica infamante. Molte sono a questo proposito le testimonianze di “crociate”, intorno al quindicesimo secolo, per debellare questa piaga tra le popolazioni indigene del Nord America.

[...] Non mancano tuttavia, anche in tempi recenti, esempi eclatanti di cannibalismo legato a pratiche mistiche, sebbene principalmente su scala individuale, anzichè collettiva. In questi casi, la maggioranza dei responsabili sostiene di essere stata guidata nelle sue azioni da un qualche genere di entità divina o spirituale, mostrando come spesso questa pratica sia legata a disturbi di percezione della realtà e a deliri di onnipotenza.
A questo proposito è opportuno ricordare la famigerata Mattanza di Slave Lake degli anni 1890-95, il cui artefice, il taglialegna “Bo” Burnell, dichiarò al processo di essere un “Araldo del potente Dio Wendigo”, e di aver agito per suo volere.

[...] Ma anche in tempi più recenti possiamo trovare casi analoghi, come quello dell’infermiera del Minnesota Lucy Edgecombe, che nel periodo dal 1968 al 1973 uccise e si cibò delle carni di diversi neonati. La Edgecombe dichiarò ripetutamente di aver agito sotto l’impulso di forze estranee alla sua volontà, che la spingevano a nutrirsi delle membra dei neonati per “trarre da esse la forza per rinascere in questo mondo” (affermazioni che tra l’altro le valsero le attenuanti per l’infermità mentale).
E’ stato fatto notare, e lo citeremo a titolo di curiosità, che gli omicidi della Edgecombe cominciarono in concomitanza del suo trasferimento nella dimora di Riverlake Mansion, che da allora è rimasta disabitata e si è guadagnata fama di luogo maledetto. A tutt’oggi la casa è stata trasformata in museo ed è meta abituale dei turisti e degli amanti del genere.

(da W. H. Carter, “Religione ed evoluzione”, Atkins Press, Philadelphia 1980)

 
wendigo/cannibalismo_rituale.txt · Ultima modifica: 15/12/2005 00:41 da Dara'nei