giochi di narrazione sul web

 

Anubi, Acceleratore di sviluppo molecolare

In seguito alla massiccia offensiva lanciata dalle entità aliene nel 2018, basata sulla progressiva desertificazione delle aree maggiormente popolate del pianeta, la Conferenza Planetaria per lo sviluppo e la ricerca ha attivato un massiccio stanziamento di fondi per il progetto Anubi, sostenuto economicamente per la maggior parte da quei paesi, come il Brasile e la Cina, che nel corso dell’offensiva avevano subito le maggiori perdite.

Anubi, nato come progetto ambizioso, prevedeva l’applicazione di nuove teorie relativistiche allo sviluppo cellulare per dare vita ad una serie di microsistemi in grado di evolversi ed accrescersi in tempi incredibilmente brevi, risvegliando la vita nelle terre rese apparentemente sterili dai bombardamenti magnetici degli invasori. Riequilibrare lo sconvolto sistema naturale permettendo a microorganismi, piante e persino animali di svilupparsi ed accrescersi in pochissime ore, avrebbe consentito, nelle teorie degli scenziati, di creare un ecosistema potenzialmente dannoso per gli Xenomorfi (data l’alta concentrazione di ossigeno ed umidità originata dalle piante) ed allo stesso tempo avrebbe permesso all’umanità di riconquistare spazi vivibili, coltivabili ed utilizzabili per l’allevamento degli animali, divenuto sempre più difficile.

Come nella tradizione, dunque, Anubi avrebbe condotto i morti al loro risveglio per godere di una nuova vita.

All’opinione pubblica, comunque, non venne neppure taciuto dagli scienziati il potenziale bellico del progetto, non ultimo quello di creare una temibile arma grazie alla quale condurre i potenziali bersagli ad un immediato invecchiamento cellulare.

Attualmente sono in funzione a 4 prototipi in grado di agire su scala nazionale (detti “Vasi Canopi”) collocati nelle aree dotate del maggior rapporto necessità/rischio: Buenos Aires, Pechino, Berlino e Mosca, tutte tragicamente colpite dall’offensiva aliena.

Per quanto concerne l’applicazione bellica, invece, l’unico prototipo esistente è attualmente collocato sulla stazione orbitante Tiamat e in fase di sperimentazione su bersagli vivi, sviluppati in laboratorio inserendo elementi Xenomorfi in acceleratori di sviluppo sperimentali.

(voce creata da Panta)

 
xenomorfi/anubi_acceleratore_di_sviluppo_molecolare.txt · Ultima modifica: 23/03/2005 14:10 da 62.94.178.177