giochi di narrazione sul web

 

Divisione d'Assalto Stellare "Easy"

«L’odio sarà vostro padre e vostra madre, la vostra spada, il vostro scudo, il vostro unico amico. L’odio che vi ha generato vi ha resi immortali. L’odio ha fatto di voi degli dei» (Sergente maggiore Stephen “Ironfist” Garrick, Divisione d’assalto stellare Easy)

2039, l’avamposto Abraham Lincoln, segretamente utilizzato come base militare per operazioni di sostegno, addestramento e supporto, viene distrutto da un bombardamento con armi gravitazionali ad opera degli Xenomorfi. Il successivo sconvolgimento negli equilibri orbitali del vicino sistema Oberon, in seguito al collasso della carcassa dell’asteroide su cui sorgeva l’avamposto, porterà in poche ore alla fine del pianeta classificato come Oberon V, che esattamente alle ore 02.34 del 17 gennaio 2039 cesserà di esistere.

Le stime, approssimative parlano di oltre 9 miliardi di morti. Nessun recupero dei corpi è possibile e tutta l’area viene chiusa da una cintura di controllo militare per evitare operazioni di sciacallaggio da parte di predoni o disperate azioni di chi, nel volgere di un batter d’occhio, ha perduto tutto.

Qui finisce la storia ufficiale e comincia la leggenda di Jack "Aegir" Thorwalds e della divisione d’assalto stellare Easy.

Una rara immagine del comandante Jack "Aegir" ThorwaldsNessuno è mai stato in grado di comprendere se i fatti accaduti dall’alba del 17 gennaio 2039 fossero stati frutto di una premeditazione, espressione materiale di una strategia pianificata da tempo, o se gli eventi fossero conseguenza di un’imprevedibile sconvolgimento che aveva segnato profondamente tutti i soldati originari di Oberon V lontani dal pianeta al momento della sua distruzione. L’unico fatto certo è che il comandante Thorwalds, all’indomani della tragedia che, fra gli altri, aveva cancellato ogni traccia della sua famiglia residente a Nuova Skellefteà, rifiutò categoricamente di rientrare presso la stazione orbitante Tiamat con il suo incrociatore “Mjolnir” e cominciò a radunare presso la stazione abbandonata Niflheim tutti i superstiti di Oberon V. I governi terrestri e l’alto ammiragliato, incredibilmente (ma molte furono le voci che parlarono di misteriose “leggerezze” da parte dell’esercito nella gestione dell’affare Lincoln che sarebbe stato meglio far passare sotto silenzio) decisero di non intervenire con la forza e concessero al comandante Thorwalds di creare una piccola ma ben organizzata colonia militare radunata sotto la bandiera dell’ormai scomparso Oberon V. Su Niflheim venne immediatamente dichiarata la legge marziale, ripristinata la pena capitale per i reati di spionaggio, tradimento, codardia in guerra, collusione con gli alieni e vilipendio della bandiera. Il denaro venne bandito e così ogni forma di commercio. Ogni individuo, tuttavia, riceveva oltre ad un rigidissimo addestramento militare degno dei migliori corpi d’assalto terrestri, tutto ciò che poteva, ragionevolmente, chiedere all’interno di un’enorme caserma militare dove tutti vivevano in servizio attivo permanente. Gli Assaltatori della "Easy" in azioneSu Niflheim tutti combattono, tutti difendono quel brandello di passato a cui sono disperatamente attaccati ma soltanto i migliori vengono selezionati per far parte della “Easy”. Soldati micidiali, addestrati a combattere in qualunque situazione, dotati di armamenti superiori sia terrestri che aerei (numerose sono le voci di collusioni fra Thorwalds e le corporazioni delle armi), implacabili, feroci, leggendari. Fuori da ogni controllo dell’alto ammiragliato, la Easy appare dove e quando meno ce la si aspetta, colpisce e scompare come se fosse dotata di poteri magici. Il numero dei suoi componenti è sempre lo stesso, le navette distrutte in battaglia, miracolosamente ricompaiono intatte nella battaglia successiva, i nomi dei piloti e degli assaltatori terrestri vengono pronunciati sottovoce, quasi per timore di vederli comparire alle proprie spalle. Non c’è battaglia spaziale contro gli alieni, non c’è scontro terrestre a difesa o ad assalto di un pianeta che non li veda protagonisti, privi di paura, in prima linea. Nei bollettini ufficiali loro non esistono, non ci sono mai i loro nomi fra i caduti, neppure fra i feriti, quasi che le armi degli alieni ne avessero timore. Notoriamente non fanno prigionieri, neanche quando la situazione lo consentirebbe o suggerirebbe, sono spietati, rabbiosi, completamente dedicati alla distruzione di ciò che ha distrutto il loro mondo. Sono immortali, lo giuro, sono convinto che sia l’odio a tenerli tenacemente in vita per ammazzare almeno un altro Xenomorfo.

(A. Mengsk, Cronista di ESPN 8)

La nascita ufficiale della Divisione d’assalto stellare Easy è ufficialmente datata 17 gennaio 2 A.F.

(voce redatta da Panta)

 
xenomorfi/divisione_d_assalto_stellare_easy.txt · Ultima modifica: 04/04/2005 05:35 da 80.17.98.242