giochi di narrazione sul web

 

Firebird, Brigata Commandos

Il ruolo dei commandos nella Guerra contro gli Invasori Xenomorfi è un aspetto tuttora poco conosciuto delle imprese militari della Federazione. Nonostante le battaglie più imponenti della Guerra siano state combattute negli spazi siderali, le azioni chirurgiche operate dagli uomini della Brigata Firebird furono spesso determinanti per l’esito delle operazioni. Insegne della Brigata Firebird (ca. 160 A.d.F.)

La Brigata Commandos “Firebird” è attualmente formata da oltre 3500 effettivi, specializzati in operazioni di ricognizione, infiltrazione, sabotaggio e combattimento in corpo a corpo con decine di specie aliene. La loro efficacia in missioni ad alto rischio è garantita da un addestramento specifico per ambienti planetari, spaziali ed artificiali e da tecniche di dispiegamento rapido tramite abbordaggio (nello spazio) o lancio orbitale (per missioni sulla superficie).

L’organizzazione militare dei commandos federali ha subito continui cambiamenti durante la Guerra, in funzione della dimensione della truppa e del suo utilizzo sul campo. Parallelamente a queste riorganizzazioni, il nome del corpo è stato cambiato molte volte, anche se il nome “Firebird” è sempre rimasto associato, nell’immaginario collettivo, a questo tipo di truppa.

Le prime unità di commandos spaziali

Il primo nucleo della Brigata Firebird può essere individuato nella Fanteria di Intervento Rapido “Sea Monkey”, fondata nel 9 A.d.F. come supporto alle navi della Flotta Stellare Federale in servizio di pattugliamento o di scorta ai vascelli civili. Nei decenni seguenti, questa unità fu impiegata per la perlustrazione e la messa in sicurezza dei vascelli, insediamenti e relitti alieni rinvenuti da navi stellari prive di un proprio plotone di fanteria mobile.

Il primo dispiegamento di unità di commandos spaziali in missioni di combattimento contro gli Xenomorfi fu effettuato dalla Divisione Easy: la Compagnia Sabotatori “Firebird”, creata al suo interno, fu utilizzata sin dagli anni 20 A.d.F. come supporto alle operazioni di assalto stellare e planetario.

La battaglia di Minotaur-4 e il Battaglione Phoenix

Il primo impiego in battaglia dei commandos della Sea Monkey da parte della Federazione fu in occasione della prima importante battaglia di terra della Guerra, presso Minotaur-4 nel 97 A.d.F. Sfortunatamente, il trasporto leggero Galeon fu distrutto al largo del pianeta, prima di raggiungere il punto previsto per il lancio dei commandos; nell’attacco perirono metà delle truppe in forza alla Sea Monkey e l’intero Quartier Generale. Si sospettò un atto di tradimento, ma la vicenda non fu mai chiarita.

Insegne della Compagnia Firebird (97 A.d.F.) Inaspettatamente, fu la Compagnia Firebird della Divisione d'Assalto Stellare "Easy" a giungere in soccorso delle truppe federali. La natura della missione costrinse gli uomini della Firebird a combattere fianco a fianco con i soldati federali, che in quegli anni consideravano i membri della Easy alla stregua di fantasmi. Dopo la conclusione vittoriosa della battaglia, i soldati della Firebird ed il loro comandante, il Maggiore Seth Gecko, furono tratti in arresto per diserzione (accusa che ancora gravava sull’intera Divisione Easy).

Con una decisione clamorosa, maturata in seguito a trattative riservate i cui verbali non sono ancora stati resi pubblici, tutto il personale della Compagnia Firebird fu amnistiato e incorporato nelle forze armate federali. La Sea Monkey e la Firebird furono integrate nel nuovo Battaglione Operazioni Speciali “Phoenix”, alla cui testa fu messo lo stesso Maggiore Gecko.

I commandos nella fase finale della Guerra

Col progressivo intensificarsi dell’offensiva nemica ed il numero crescente di impieghi dei commandos, il Battaglione Phoenix continuò a crescere, fino all’ulteriore riorganizzazione del 152 A.d.F. in cui prese il nome attuale di Brigata Commandos “Firebird”, in onore degli eroi di Minotaur-4.

Nella fase culminante della guerra, negli anni tra il 160 e il 190 A.d.F., la Brigata Firebird, comandata dal Colonnello “Mac” Camino, partecipò alle principali battaglie in ruoli di supporto alle operazioni di terra e di abbordaggio di navi aliene. Fondamentale il loro supporto nella “Battaglia dei Cieli Viola” del 169 A.d.F. presso la Nebulosa Targaryen, in seguito alla quale Camino fu decorato con la Medaglia d’Argento al valore militare per lo sprezzo del pericolo dimostrato nel salvare la vita ad una compagnia di commandos che aveva perso la propria nave d’appoggio.

Commandos federali in azione

(voce redatta da Anderson)

 
xenomorfi/firebird_brigata_commandos.txt · Ultima modifica: 07/04/2005 01:45 da 137.204.91.166