giochi di narrazione sul web

 

Kriss

Il motore spaziale a micro-balzi Kriss è la sintesi di oltre un secolo di ricerca in diversi settori della fisica e della matematica. Nonostante la teoria dei micro-balzi fosse nota da tempo, la sua applicazione al viaggio interstellare presumibilmente non avvenne prima del 170 A.d.F. Sappiamo ben poco di quando e come i primi prototipi di questa tecnologia furono realizzati; di certo la loro realizzazione avvenne all’interno di un progetto militare volto a creare un vantaggio decisivo per le navi Federali nei confronti dei vascelli alieni.

«Dopo l’innovazione apportata dall’introduzione dei motori a carbonio 50, la ricerca proseguì per decenni senza produrre però risultati pratici apprezzabili. Alcuni scienziati decisero di studiare la realizzazione di un motore a micro-balzi, un obiettivo ritenuto all’epoca tecnicamente irraggiungibile. [...] La teoria alla base di questa tecnologia è straordinariamente semplice: riducendo le quantità di energia coinvolte è possibile realizzare “salti” di dimensioni sub-stellari, minimizzando al contempo gli effetti negativi dovuti alla presenza di grandi masse nelle vicinanze. In altre parole, sarebbe stato possibile spostarsi istantaneamente da un punto ad un altro all’interno di un sistema stellare [...] La realizzazione pratica di un motore a micro-balzi richiedeva però una fonte di energia altamente stabile, in quanto le fluttuazioni nella potenza sviluppata dai motori INFINITY, trascurabili sulla scala delle energie richieste da un salto interstellare, avrebbero reso del tutto imprevedibile l’esito di un micro-balzo. [...] Quando ci presentarono il prototipo di un generatore ad alta stabilità chiedendoci di realizzare un motore a micro-balzi, né io né nessun altro del mio team fummo in grado di comprenderne il principio di funzionamento, limitandoci a constatare che le potenze in uscita erano in effetti compatibili con l’applicazione richiesta.» (tratto dalle memorie di A. Luthor, direttore del progetto Kriss)

Applicazioni belliche

Com’è naturale, i nuovi motori furono immediatamente applicati allo sforzo bellico in corso. Per la prima volta nella storia umana, un motore a salto fu applicato a navi da caccia, rivoluzionando le dinamiche dei combattimenti spaziali. I nuovi caccia SF-42 Mindanao erano in grado di materializzarsi a poca distanza dal nemico, massimizzando così l’impatto delle flotte da guerra federali.

L’introduzione di questa nuova arma avvenne sicuramente dopo la battaglia della Nebulosa Targaryen e secondo molti storici non sarebbe stata possibile se la nuova avanzata aliena non fosse stata fermata dalla flotta guidata dal Maresciallo dell'Aria Arthur Boswell (anche se non è chiaro se lo stesso Boswell fosse al corrente di questi sviluppi).

Negli anni successivi la tecnologia Kriss fu sicuramente sfruttata in diverse battaglie, anche se l’unica di cui abbiamo notizie certe è la prima delle battaglia spaziali combattute presso Tartarus, nel 189 A.d.F.

Il futuro

L’esistenza stessa dei motori Kriss è stata tenuta segreta per molti anni dopo la fine della guerra, e ancora oggi le tecnologie alla base della loro realizzazione sono sottoposte a segreto militare. Per questo motivo è prematuro aspettarsi una loro applicazione in campo civile.

Presumibilmente, nuove temibili armi basate su questa tecnologia vengono sviluppate in questi anni e tenute segrete nell’evenienza di un nuovo attacco da parte di una razza aliena.

(voce compilata da Anderson)

 
xenomorfi/kriss.txt · Ultima modifica: 20/04/2005 01:58 da 137.204.91.166